mercoledì 22 luglio 2015

Celebrating Czech underground vol. 1. Plastic People of the Universe - Ach to státu hanobení (live recordings 1976-77)/Plastic People of the Universe (live 1997)


Un capolavoro si aggira per l'Europa: Egon Bondy's Happy Heart Club Banned .. Se non l'avete già ascoltato fatelo al più presto ... dirigendovi verso la pagina del volume 35 della Nurse With Wound list (NWW202).
Già che ci siete andate pure ad ascoltarvi i volumi 8 e 9 della Virgin Forest: 



e questa compilazione degli anni Settanta:


nonché i Fermàta:


La scena cecoslovacca è una delle più importanti del continente.
Solo ora comincia a essere rivalutata. Se il progressive è abbastanza riconosciuto nel suo valore effettivo (il genere conta tenaci aficionados), il lato underground non ha mai avuto una definizione soddisfacente.
Con questa doppia opera dei Plastic si cerca di rimediare. In seguito daremo conto della produzione di DG 307, Psí Vojáci, Už Jsme Doma, Visací Zámek, Garáž. Fra gli altri. 

8 commenti:

  1. Ma il caldo ti fa un baffo!

    RispondiElimina
  2. Scusa ma devo commentare di nuovo: questi PPU fanno venire la pelle d'oca! Maestosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono uno dei gruppi più oscuri e sottovalutati.
      Tutta la scena cecoslovacca è, però, d'altissimo livello.

      Elimina
  3. mi rendo conto che è il posto sbagliato e comprendo pure che riguardare il passato a volte stanca ( ma tutto il blog è uno sguardo musicale rivolto ad un passato interessantissimo e misconosciuto)
    ma vorrei segnalare che il link più sotto riportato va verso una pagina che viene segnalata come se non esistesse.
    http://isle-of-noises.blogspot.it/2012/11/nurse-with-wound-list-vol-20-glaxo.html
    se si potesse fare una correzione sarebbe molto interessante.
    grazie ciao fabio e con l'occasione buone vacanze

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non disturbi, anzi ti ringrazio per la segnalazione.
      Ora dovrebbe andare.
      Un saluto

      Elimina
  4. Questi qui sono strepitosi. Non ci sono etichette per quello che suonano.Qui s'incontrano punk, free, popolare e si allontanano disgustati.Si certo la confezione è prog. Mi rendo conto che abbiamo ascoltato un sacco di musica americana e inglese, con l'impressione che esistesse solo quella. Grazie per i suggerimenti che dai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che ti sarebbero piaciuti. Un buongustaio non si smentisce.

      Elimina